fun

[ Salta al contenuto della pagina ]

Access key definite:
Vai alla pagina iniziale [H]
Vai alla pagina di aiuto alla navigazione [W]
Vai alla mappa del sito [Y]
Passa al testo con caratteri di dimensione standard [N]
Passa al testo con caratteri di dimensione grande [B]
Passa al testo con caratteri di dimensione molto grande [V]
Passa alla visualizzazione grafica [G]
Passa alla visualizzazione solo testo [T]
Passa alla visualizzazione in alto contrasto e solo testo [X]
Salta alla ricerca di contenuti [S]
Salta al menù [1]
Salta al contenuto della pagina [2]

Sezione contenuti:

[ Salta al menù ]

Dettaglio procedura

Questa funzionalità permette di visualizzare i dati della procedura selezionata, compresi i documenti relativi al bando, ovvero ai documenti che sono richiesti ai concorrenti. Premendo il pulsante "Lotti" si accede alle informazioni di dettaglio dei lotti facenti parte della procedura.
CONTENUTO AGGIORNATO AL 17/11/2021

Sezione Stazione appaltante

Provincia di Macerata
Guardascione Marco

Sezione Dati generali

S.U.A. PER IL COMUNE DI CASTELSANTANGELO SUL NERA. Procedura aperta accelerata finalizzata all'appalto dei servizi tecnici attinenti all'architettura e all'ingegneria per la progettazione di fattibilità tecnica ed economica, definitiva ed esecutiva, coordinamento della sicurezza in fase di progettazione, delle indagini, della direzione lavori, misura e contabilità, coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione relativi ai lavori di consolidamento e restauro delle Mura Urbiche del Capoluogo a seguito degli eventi sismici del 24 Agosto e 26/30 ottobre 2016. - CIG : 894306852D - CUP : F45F21000910005
Servizi
Procedura aperta
Offerta economicamente più vantaggiosa
641.788,55 €
20/10/2021
05/11/2021 entro le 12:00
G00221
In aggiudicazione

Sezione Documentazione richiesta ai concorrenti

Busta amministrativa
  • All.1_MODELLO 1_Domanda di partecipazione e dichiarazioni integrative
  • All.3_MODELLO 3_Assolvimento imposta bollo gara telematica
  • DGUE
  • (in caso di sottoscrizione del procuratore) copia conforme all'originale della procura
  • copia del PASSOE
  • garanzia provvisoria (in caso di polizza fideiussoria comprensiva di Scheda Tecnica, condizioni di assicurazione, dichiarazione di impegno e procura del soggetto che agisce per il garante)
  • (in caso di studi associati) statuto dell'associazione professionale e, ove non indicato il rappresentante, l'atto di nomina di quest'ultimo con i relativi poteri
  • copia della documentazione attestante l'iscrizione/la domanda di iscrizione/l'istanza di rinnovo dell'iscrizione, per quanto di competenza, all'Elenco speciale dei professionisti
Busta tecnica
  • Offerta tecnica

Sezione Comunicazioni della stazione appaltante

  • Pubblicato il 29/10/2021
    chiarimenti #5 - QUESITO: In relazione a quanto richiesto al punto 7.1. REQUISITI DI IDONEITA' del Disciplinare di gara, si richiede se il professionista Responsabile esperto in Restauro e conservazione dei beni culturali possa essere un consulente esterno con lettera di impegno da parte del RTP. CHIARIMENTO: No, si ritiene che tale figura non possa essere ricoperta da un mero consulente esterno. E' richiesto infatti, qualora ci si avvalga di un collaboratore/consulente per detta prestazione, che questi sia collaboratore con contratto di collaborazione coordinata e continuativa su base annua, oppure consulente, munito di partiva IVA, che abbia fatturato nei confronti del concorrente una quota superiore al cinquanta per cento del proprio fatturato annuo, risultante dall'ultima dichiarazione IVA.
  • Pubblicato il 28/10/2021
    chiarimenti #4 - QUESITO 1: Con riferimento al requisito di cui al capitolo 7.3.3 del disciplinare di gara: "Professionalità richieste in capo al partecipante" e in particolare alla lettera c, al quarto punto di elenco, nell'ambito progettuale e direzione operativa, chiediamo se la figura richiesta sia equiparabile ad un restauratore di beni culturali ex art. 182 ed ex art. 129 del decreto legislativo 22 gennaio 2004 n. 42, avente funzione di Direttore Operativo edilizia per le parti di competenza (richiesto ai sensi dell'art. 22, comma 2, Decreto ministeriale 22 agosto 2017, n. 154). RISPOSTA 1: La figura richiesta risulta equiparabile ad un restauratore di beni culturali solo se dotato dei titoli di laurea magistrale richiesti (Architettura e/o Ingegneria Edile-Architettura). Si precisa inoltre che la funzione di Direttore Operativo (richiesto ai sensi dell'art. 147, c. 6 del D. Lgs. 50/2016 e del richiamato art. 22, comma 2, Decreto ministeriale 22 agosto 2017, n. 154) possa essere svolta anche da altre professionalità previste da Disciplinare. QUESITO 2: In relazione a quanto richiesto al punto 7.1. REQUISITI DI IDONEITA' del Disciplinare di gara con la presente si richiede se il professionista Responsabile in materia di progettazione impiantistica possa essere anche un architetto, con laurea quinquennale in architettura, iscritto alla sezione A dell'albo del relativo Ordine Professionale. RISPOSTA 2: Relativamente al quesito posto si conferma che per la figura di Responsabile in materia di progettazione impiantistica sia richiesta la sola Professione di Ingegnere ( Settore Civile-Ambientale e/o Industriale) in quanto ritenuta maggiormente indicata per la tipologia di intervento a base di gara. QUESITO 3: Poiché la verifica dell'interesse archeologico può essere subappaltata, si chiede se la presenza dell'archeologo nel RTP sia necessaria o facoltativa. RISPOSTA 3: La figura dell'archeologo all'interno del gruppo di lavoro è necessaria, come richiesto al paragrafo 7.3.3 del disciplinare di gara. Ferma restando la subappaltabilità della prestazione di verifica dell'interesse archeologico, infatti, è comunque richiesta la presenza di un archeologo con funzione di direttore operativo, fornito di specifici titoli universitari (diploma di laurea e specializzazione in archeologia o dottorato di ricerca in archeologia) ed iscritto ad un apposito elenco istituito presso il MiBACT (cfr. art. 25 del Codice). QUESITO 4: Si chiede se per la dimostrazione dei requisiti per i servizi nei 10 anni si possano utilizzare servizi di solo coordinamento della sicurezza. RISPOSTA 4: Come indicato alla fine del paragrafo 7.3, dove si riporta quando previsto dalle Linee Guida ANAC n. 1/2016, aggiornate con delibera n. 138 del 21.02.2018, paragrafo 2.2.2.5, i requisiti dei servizi svolti non possono essere intesi nel senso di limitare la dimostrazione dei soli servizi specificamente posti a base di gara. Si deve, infatti, considerare che, per consolidata giurisprudenza, la logica sottesa alla richiesta di tali requisiti è quella di aver svolto singoli servizi di una certa entità complessivamente considerati e non di aver svolto servizi identici a quelli da affidare. Pertanto, a titolo esemplificativo, possono presentarsi o incarichi di progettazione, coordinamento della sicurezza e direzione lavori, o solo incarichi di progettazione (PFTE, definitiva e/o esecutiva), o solo incarichi di coordinamento per la sicurezza (CSP e/o CSE), o solo incarichi di direzione lavori, misura e contabilità.
  • Pubblicato il 27/10/2021
    chiarimento #3 - QUESITO: Con riferimento al requisito di cui al capitolo 7.3.3 del disciplinare di gara: Professionalità richieste in capo al partecipante e in particolare alla lettera c., quarto punto di elenco, recante n. 1 Ingegnere/Architetto Specializzato in restauro /Recupero/Conservazione dei Beni Culturali, si chiede se questa figura può essere ricoperta da un soggetto laureato con laurea quinquennale a ciclo unico in ingegneria Edile architettura, iscritto all'albo degli Ingegneri e abilitato anche a quello degli architetti, ed in possesso anche del seguente Dottorato di ricerca IX Ciclo, Curriculum Architettura Costruzioni e Strutture Settore Scientifico Disciplinare ICAR/10 della Scuola di Dottorato della Facoltà di Ingegneria dell'Università Politecnica delle Marche. CHIARIMENTO: No, tale figura professionale non soddisfa quanto richiesto nel disciplinare poiché in base all'All.A del D.M. 4 ottobre 2000 il Settore Scientifico-Disciplinare di svolgimento del Dottorato (ICAR/10 Architettura Tecnica) non è inerente al Restauro, Recupero, Conservazione dei Beni Culturali (individuabili in ICAR/19 Restauro).
  • Pubblicato il 26/10/2021
    chiarimento #2 - QUESITO: Con riferimento al requisito di cui al capitolo 7.3.3 del disciplinare di gara: Professionalità richieste in capo al partecipante e in particolare alla lettera c., quarto punto di elenco, recante n. 1 Ingegnere/Architetto Specializzato in restauro /Recupero/Conservazione dei Beni Culturali, si chiede se questa figura può essere ricoperta da un soggetto laureato con laurea quinquennale in architettura/ingegneria Edile, iscritto all'Albo degli Architetti, ed in possesso anche del seguente titolo di laurea: Laurea in restauro, recupero e riqualificazione dell'Architettura (classe 4 delle Lauree in Scienze dell'Architettura e dell'Ingegneria Edile D.M. 509/1999). CHIARIMENTO: Sì, si conferma l'ammissibilità del caso prospettato ai fini del rispetto dei requisiti di partecipazione alla presente procedura.
  • Pubblicato il 25/10/2021
    chiarimento - QUESITO: In riferimento alla documentazione richiesta al punto 16.A) "Professionalità e adeguatezza dell'Offerta" del Disciplinare di Gara, per la descrizione dei 3 servizi nell'offerta tecnica, si chiede se sia possibile presentare le schede sintetiche in n. 3 pagine di formato A3 invece che n. 6 pagine di formato A4. CHIARIMENTO: Sì, è facoltà del concorrente modificare il formato da A4 ad A3, adeguando di conseguenza il numero delle pagine (secondo l'equivalenza di 2 pagine A4 con 1 pagina A3, essendo lo spazio utilizzabile esattamente il medesimo).

[ Torna all'inizio ]